La depilazione porta con sé numerosi falsi miti, specialmente per quanto riguarda l’uso delle lamette.

Eccone alcuni:

I peli, utilizzando il rasoio, ricrescono più duri, grossi e scuri. 

Anche se falsa questa credenza è molto comune, in realtà i peli sembrano più duri perché quando tagliamo il pelo eliminiamo la parte superiore più sottile e usurata, lasciando in evidenza la parte inferiore, dal diametro più ampio. Per questo il pelo appare più scuro e grosso, ma in realtà non è così, anche perché il colore è sempre lo stesso, non varia.

I peli ricrescono più folti. 

Falso anche questo, perché i peli, esattamente come i capelli, hanno un loro ciclo di crescita, crescono e cadono, anche se ci accorgiamo meno. Dunque un taglio non può influenzarne una crescita più veloce.

Il rasoio causa più irritazioni. 

Vero e falso. Dipende da come agiamo. Innanzitutto sarebbe bene utilizzare un proprio rasoio, da lavare spesso per eliminare ogni traccia possibile di stafilococchi. Se poi la rasatura viene effettuata con precisione in ogni passaggio, non dovrebbe presentarsi alcun problema.

La depilazione, rasoio o ceretta, toglie l’abbronzatura. 

La verità è l’esatto opposto!                                                               In realtà l’abbronzatura ne viene rinnovata poiché sia il rasoio che la ceretta eliminano uno strato di cellule morte dalla superficie della pelle stimolando il turnover cellulare, donando dunque un’abbronzatura più luminosa.

Dopo la rasatura è più facile che i peli si incarniscano. 

Falso. Ciò non accade se prima si esfolia la pelle