In estate indossare scarpe aperte e frequentare piscine e spiagge aumenta il rischio di contagio da parte di funghi responsabili di micosi cutanee e alle unghie

Per riconoscerle un primo segnale d’allarme può essere rappresentato da un arrossamento localizzato, con una leggera desquamazione, soprattutto nelle pieghe inguinali o negli spazi tra le dita dei piedi. In alcuni casi le lesioni sono “umide” o macerate e associate spesso al prurito. I funghi, infatti, proliferano di più negli ambienti umidi, come le pieghe cutanee. Qui, inoltre, la temperatura è in genere più alta, altro fattore che facilita la proliferazione dei miceti. Una volta che ci si è accorti di avere a che fare con una micosi si può cercare aiuto in farmacia, dove è possibile acquistare prodotti da banco efficaci e sicuri che non richiedono la ricetta medica. Se la micosi riguarda le unghie, durante il trattamento è meglio non utilizzare uno smalti colorati, che potrebbero impedire di accorgersi di un eventuale peggioramento. In ogni caso, se il problema non dovesse scomparire è bene rivolgersi a un medico.

 Per quanto riguarda, invece, la prevenzione, si ricorda l’importanza di utilizzare sempre le ciabatte sia in piscina che in spiaggia, di asciugarsi sempre bene dopo bagni e docce e di evitare la condivisione di asciugamani e teli da bagno. In questo modo il rischio di contagio sarà ridotto il più possibile.